Insieme per l’Atletica a sostegno delle Società

Sabato 30 maggio, si è tenuta la riunione dei soci fondatori di “insieme per l’Atletica… oltre la Passione”. Tutti collegati via web, i partecipanti hanno analizzato il difficile periodo che sta vivendo il Paese con l’emergenza Covid-19.

Il candidato alla Presidenza della Fidal Vincenzo Parrinello ha voluto evidenziare come la scelta di evitare qualsiasi azione di campagna elettorale era giusta e doverosa per rispetto a tutto ciò che le famiglie italiane stavano attraversando in questo periodo. Tutti hanno concordato che sarebbe stato di cattivo gusto andare a toccare argomenti, seppur importanti, ma certamente futili, di fronte alla gravità del momento.

Ora, di fronte all’allentamento delle misure di sicurezza, alla riapertura dei campi di allenamento ed alla riprogrammazione dell’attività agonistica, il gruppo Insieme per l’Atletica, ritiene corretto ricominciare un percorso partito con la pubblicazione del “Manifesto dei Volonterosi” che ha coinvolto oltre 150 società italiane.

Nel corso dell’incontro si sono affrontati i temi della ripartenza dell’atletica sottolineando come si debba parlare di un periodo PRE ed uno POST covid-19. Sarà molto complicato questo periodo di transizione dove i protocolli stabiliti hanno portato ad alcune decisioni coraggiose e complesse da mettere in atto come la divisione dei Campionati Italiani in due sezioni (Padova e Modena). Tutti speriamo che al più presto, attraverso una cura efficace, od un vaccino, si possa tornare alla normalità, ma nel frattempo si devono prevedere misure di sostegno all’attività, ed in particolare alle società sportive che sono state segnate profondamente da questo stop forzato.

A questo proposito, sono state segnalate diverse iniziative che potrebbero essere intraprese direttamente dal gruppo o suggerite alla Fidal a sostegno delle società. Le risorse messe a disposizione, attraverso le istituzioni di livello centrale e locale e dalla stessa Fidal sono importanti, ma spesso le società non sono attrezzate per poter cogliere queste opportunità, per cui si ritiene necessario una sorta di “sportello Covid”, per aiutare le società ad espletare le pratiche burocratiche in modo da ottenere finanziamenti e prestiti a sostegno dell’attività.

Per quanto riguarda le proposte da sottoporre alle società, si è lavorato in questi mesi alla sintesi del programma che necessariamente dovrà essere modificato a seguito dell’emergenza epidemiologica, e rivisto anche in funzione della tempistica con cui si terranno le elezioni. Il gruppo si è detto indifferente rispetto alla data delle elezioni che sarà decisa dal CONI e dal Governo. Tutte le eventualità in campo ci vedranno pronti ad esprimere proposte positive per il mondo dell’Atletica Italiana, con lo spirito di servizio che ha sempre contraddistinto il gruppo ed i singoli componenti spinti come sempre dalla Passione per questo Sport. Si attendono quindi le decisioni del Consiglio Nazionale del CONI previsto per il 23 giugno ed eventuali  interventi del Ministero dello Sport sulle tempistiche elettorali.

Tutti i presenti alla riunione hanno voluto rimarcare come, in diverse forme e modalità, tutte le società debbano essere aiutate, ognuna per le proprie caratteristiche, sia quelle che si occupano dell’attività giovanile, dell’attività assoluta, dell’attività amatoriale, sia in Pista che su Strada, il settore, che per le sue peculiarità, probabilmente sarà l’ultimo a ripartire.

Un pensiero particolare ed un plauso è stato fatto a tutte le componenti della grande famiglia dell’atletica italiana, dagli atleti, ai tecnici, ai giudici ed ai dirigenti, che in questi mesi hanno fatto di necessità virtù con una grande mole di fantasia per poter tenere unite le società con migliaia di iniziative via Web, alcune anche molto interessanti e divertenti.

Nella speranza che da qui a qualche mese la situazione ritorni alla normalità, il gruppo di Insieme per l’Atletica, tornerà a formulare le proposte per l’Atletica del futuro.